lunedì 14 Giugno 2021,

Eventi

Ξ Commenta la notizia

Fondi. Lettera di Turchetta al sindaco Maschietto

scritto da Redazione
Fondi. Lettera di Turchetta al sindaco Maschietto

> Al Sindaco del Comune di Fondi

dott. Beniamino Maschietto;

> All’ Assessore alla Cultura

dott. Vincenzo Carnevale;

> Al Presidentte della Commissione Consigliare Cultura

rag. Cristian Peppe.

Oggetto: Geremia Iudicone/Richiesta Intitolazione.

Mi rivolgo    a Voi per proporre una doverosa iniziativa in favore di Geremia Iudicone, nostro concittadino, che ci ha lasciato il 4 marzo 2016.

Persona mite, semplice, colta e dotata di alto senso civico, ha speso la sua vita terrena dedicandosi alla famiglia, al lavoro ed allo studio della storia patria.

Ha pubblicato libri, racconti, scritti, su usi e costumi, sulla vita sociale, culturale e politica della nostra Fondi già dai primi anni ’60.

Schivo e riservato in vita, è stato e punto di riferimento importante per quanti si accingevano alla ricerca storica plurimillenaria della nostra città. E’ stato la memoria storica fondana per tanti decenni, senza mai inseguire medaglie e nemmeno remunerazioni di sorta.

Unico suo intendimento era quello di lasciare a noi, che abbiamo avuto la fortuna di conoscerlo, ed alle future generazioni, fatti, aneddoti e storie che hannno contribuito a fare grande la nostra città.

Strenuo difensore della “fondanità”, è stato geloso custode delle tradizioni locali con i suoi numerosi scritti. A questo nostro intellettuale, chiedo che venga intitolata a futura memoria la “Sezione fondana” dei tantissimi libri di storia patria presenti nella biblioteca Dan Danino di Sarra; bibilioteca che insieme ad altri ha contribuito a far nascere. Un piccolo ma doveroso gesto per un grande fondano che merita tale perenne ricordo.

Nel ringraziarVi anticipatamente, resto a disposizione e Vi saluto con cordialità.

                                      prof. Egidio Turchetta

                                    (già Assessore alla Cultura Comune di Fondi)

I commenti non sono chiusi.

Facebook