giovedì 19 settembre 2019,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Dai Comuni

Ξ Commenta la notizia

Fondi – inquinamento. Trani “Le strane coincidenze”

scritto da Redazione
Fondi – inquinamento. Trani “Le strane coincidenze”

Come ormai accade abitualmente, c’è sempre bisogno di una denuncia pubblica per affrontare in maniera risolutiva una questione che altrimenti si sarebbe rimandata di palo in frasca.
Malgrado la relazione riassuntiva di ciò che gli uffici del comune avrebbero fatto in seguito ad una denuncia di un esercente commerciale sullo sversamento dei liquami fognari nel canale Vetruvio, risulta chiaro che per almeno un altro mese la fogna ha continuato ad essere riversata nel canale, nonostante i ripetuti appuntamenti e sopralluoghi tra ARPA Lazio, Acqualatina, Uffici LL.PP. del comune e Polizia Municipale.
Addirittura, dalle spiegazioni del Sindaco, pare non ci fossero neppure soluzioni visto che tutto funzionava a regola d’arte, almeno stante a quello che affermava Acqualatina.
Tutto naturalmente e regolarmente verbalizzato con tanto di corrispondenza. Così, mentre ci si scambiavano verbali ed appuntamenti, la fogna continuava a riversarsi nel canale Vetruvio, senza individuare le cause e soprattutto le responsabilità.
Come al solito, quando accadono queste cose, nessuno risponde di nulla. Le responsabilità sono del fato. Nemmeno le forze dell’ordine riescono a ricercare ed individuare responsabilità e le istituzioni continuano a coprirsi l’una con l’altra.
Per la stima personale che nutro nei confronti del Sindaco, devo dire che mi sarei aspettato una presa di posizione più decisa verso chi ha lasciato per diversi mesi che liquami fognari si riversassero in un canale di acque sorgive, piuttosto che ricorrere ad un comunicato giustificativo nei confronti di tutti.
Così come, un normale cittadino si aspetterebbe una verifica puntuale da parte di ARPA Lazio, che esulasse dagli appuntamenti e dai verbali di Acqualatina. Chi deve verificare l’entità di inquinamento causato dallo sversamento di quella fogna nel canale?
Se ciascuno difendesse fino in fondo il ruolo che eticamente è chiamato a svolgere, parecchie di queste domande troverebbero risposte immediate.
Comunque, al di là di tutto resta la grande soddisfazione e consapevolezza dei cittadini per la fortuita coincidenza che dopo diversi mesi di fogna nel fosso, e dopo un mese dagli appuntamenti e dai verbali congiunti degli enti intervenuti, tutto si sia risolto a due giorni dalla lettera di un consigliere comunale.
Strano poi, che mentre sui verbali tra amici si affermava che tutto funzionava alla perfezione, a due giorni dalla segnalazione del consigliere comunale si sia sostituita qualche pompa di sollevamento.
Se quello che conta è il risultato, va bene così.

Vincenzo Trani
Consigliere Comunale
Lista Civica LIDO DI FONDI

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+