mercoledì 08 Dicembre 2021,

Cronaca

Ξ Commenta la notizia

Elezioni RSA Stellantis, UGL si conferma con il 9,5% delle preferenze

scritto da Redazione
Elezioni RSA Stellantis, UGL si conferma con il 9,5% delle preferenze

“Si tratta di un risultato importante, per nulla scontato, nell’azienda Mopar Rivalta di Torino, società del gruppo Stellantis che si occupa del magazzino ricambi dove si sono svolte le elezioni per il rinnovo delle Rsa. L’Ugl si conferma con il 9,5% delle preferenze, un buon risultato che elegge come rappresentante dei lavoratori, Giuseppe Failli. Si tratta di un riconoscimento importante per la federazione dei metalmeccanici che ritorna a rappresentare i lavoratori in tale sito industriale dopo nove anni e che continua la scia positiva nell’eleggere rappresentanti sindacali da nord a sud.

Eleggere un Rsa nello storico stabilimento di Rivalta che diede il via alla produzione di alcuni tra i più iconici modelli Fiat nel 1967 di cui le vetture più famose Fiat 124 Spider, la Dino, la Ritmo e la Bravo non era facile e neppure scontato. Ciò è avvenuto per l’impegno quotidiano di Ciro Marino, Segretario Provinciale dei metalmeccanici di Torino come sempre, al fianco dei lavoratori e delle tante vertenze aperte sul territorio il quale, svolge un ruolo fondamentale anche in questa tornata: il risultato è stato ottenuto con il suo forte impegno e la serietà dei candidati che hanno saputo far comprendere ai colleghi la necessità di cambiamento e il ritorno dell’Ugl in fabbrica. Il Segretario Nazionale della Federazione, Antonio Spera, ringrazia tutti i lavoratori che hanno dimostrato questa intenzionalità al cambiamento e si impegnano a sostenere le Rsa eletta affinché tutti della Mopar di Rivalta siano rappresentati come da attese, sicuramente Failli non farà mancare nulla. Una grande stima – conclude la nota Ugl – va ai candidati Carmelo Neri e Alfio Michelangelo Vituliano, ai membri della Commissione Elettorale, a tutti le lavoratrici e lavoratori che hanno sostenuto la nostra lista”.

I commenti non sono chiusi.

Facebook