mercoledì 14 Aprile 2021,

Provincia di Latina

Ξ Commenta la notizia

Elezioni Europee. Cusani (Fi): “L’Europa che voglio”, il programma elettorale

scritto da Redazione
Elezioni Europee. Cusani (Fi): “L’Europa che voglio”, il programma elettorale

Il mondo ha bisogno dell’Europa e l’Europa comincia da noi. L’Europa è un pensiero che deve diventare sentimento. L’Europa deve trovare l’unità non solo economica ma diventare una vera e propria unione sociale mettendo in gioco i sentimenti dei popoli.
Parliamo di Europa, pensiamo alla crisi. L’Unione Europea è infatti spesso additata come una delle corresponsabili della crisi a causa della incapacità di fornire risposte, della imposizione di misure austere, della tendenza ad affrontare i problemi con un fare ragionieristico e troppo lontano dalla quotidianità di noi tutti. Troppo difficile uscire dall’euro come in tanti propongono, più semplice e realistico RILANCIARE L’EUROPA CHE FU DI SPINELLI ED IL SOGNO EUROPEO, proporre una unione fondata non più su regole ma su valori condivisi, identità comuni, sentimenti vicini. IL FUTURO DELL’EUROPA NON DIPENDE DAL DESTINO, MA DALLE NOSTRE SCELTE. L’Europa sarà quel che noi vorremo che sia e cioè un modo insieme di crederci e di volerla, una nostra vocazione ed una nostra conquista.

#LEUROPACHEVOGLIO: LAVORA PER FARLA CRESCERE
Il voto del 25 Maggio prossimo sarà decisivo, il momento di scegliere sul tipo di Europa in cui vogliamo vivere. IO LA MIA SCELTA L’HO GIÀ FATTA E MI PROPONGO PER UN’EUROPA FORTE E UNITA NELLE DIVERSITÀ. UN’EUROPA FEDERALE IN CUI SIA POSSIBILE PRESERVARE LE IDENTITÀ NAZIONALI NELL’ERA DELLA GLOBALIZZAZIONE.
Io voglio per l’Italia un ruolo decisivo verso la realizzazione degli Stati Uniti d’Europa, entro i cui confini 28 voci possano farsi sentire in modo unanime e autorevole sulla scena internazionale e in cui le riforme economiche importanti vengano discusse pubblicamente, in seno a un Parlamento europeo eletto democraticamente, anziché essere decise a porte chiuse da troiche o esperti finanziari senza che i cittadini possono accedere, conoscere e partecipare. Una Europa:

  • con una comune matrice identitaria;
  • con certo grado di comunanza e solidarietà tra gli stati componenti;
  • con un bilancio federale e una capacità impositiva che consenta autonomia al livello federale.
  • Tetto massimo alla fiscalità nazionale che deve divenire comune

#LEUROPACHEVOGLIO: COMBATTE LA CRISI SENZA AUSTERITÀ
NON SOLO POLITICA MONETARIA MA POLITICHE PER LO SVILUPPO SOCIALE. L’Europa che vogliamo non può accettare gli attuali livelli di diseguaglianza economica e sociale tra i popoli europei e all’interno di ogni singolo paese.
Occorre che l’Europa:

  • abbandoni per l’immediato ogni politica di austerità;
  • elimini i tetti al debito e al deficit;
  • trasformi la Bce in una Fed europea;
  • promuova l’occupazione;
  • promuova controlli sui movimenti di capitale;
  • tuteli il nostro futuro.

#LEUROPACHEVOGLIO: PUNTA SULLA INNOVAZIONE E SUI GIOVANI DI OGGI MOTORE DEL DOMANI
La prossima generazione sarà la prima, dalla seconda guerra mondiale a oggi, che avrà condizioni di esistenza peggiori di quelle dei padri. E tuttavia ancora lungo è il percorso da fare, per i molti, prima di arrivare a comprendere che non è in gioco soltanto il loro tenore di vita. In gioco è infatti la loro stessa vita e quella dei loro figli. Questa è una buona ragione per credere in una Europa diversa e pur possibile, frutto di una azione forte e condivisa affinchè gli obiettivi di sempre siano mete raggiungibili.
Occorre puntare su azioni immediate, rapide, facili da mettere in campo a lanciare una ripresa ancora troppo timida. Per questo occorrono misure semplici ma efficaci nell’immediato, quindi:

  • Smart Regulation cioè leggi europee più semplice, veloce, chiara;
  • Semplificazione con meno burocrazia e zero controlli preventivi;
  • Missione giovani per loro non solo scuole, ma luoghi di vita e saperi chiave per essere cittadini europei;
  • Revisione delle direttive tra le quali la Bolkestein (direttiva 2006/123/CE);
  • Finanziamenti e bandi europei chiari, semplici ed accessibili;
  • Ricerca ed innovazione un ponte verso il futuro;
  • Agricoltura per sfamare il mondo e sostenerne l’occupazione e produzione.

#LEUROPACHEVOGLIO: PROMUOVE LA SOLIDARIETÀ VERSO CHI RESTA INDIETRO
Non solo semplificazione e chiarezza normativa. Ma misure concrete di welfare europeo. La politica sociale rappresenta oggi uno degli ambiti d’intervento europeo più contraddistinti da una forte complessità regolamentare. Occorre quindi un deciso impegno dell’Europa per la definizione di un quadro normativo semplificato, chiaro, che dia certezza negli obblighi e nelle responsabilità, specie per quanto attiene:

  • alla occupazione e la dignità e la sicurezza dei lavoratori;
  • al tema del “reddito di dignità” che assicuri un livello socialmente decoroso di esistenza che dia la possibilità di autodeterminazione ai cittadini europei;
  • al contrasto alla precarietà;
  • l’architettura istituzionale per l’asilo ed il governo dell’immigrazione.

La ricerca umana di una vita migliore è inarrestabile: l’Europa deve essere terra e garanzia dei propri cittadini. I confini bloccano i diritti umani, non le persone.
In un contesto di crisi come quello che stiamo attraversando, in cui l’economia non garantisce più un ancoraggio sicuro a quelle certezze individuali e collettive che avevano restituito speranza e futuro a tutte le generazioni del dopoguerra e in cui l’impresa, da sola, non è più garanzia assoluta di crescita e sviluppo, credo di poter mettere a disposizione la mia esperienza ventennale di buona amministrazione, prima come Sindaco e poi come Presidente della seconda provincia del Lazio, Latina. Una vicinanza al territorio che ho vissuto come elemento essenziale, in cui la comunità potrà ancora riconoscersi e dal quale il territorio può ricavare le risorse necessarie per resistere, riprendersi e tornare al più presto a crescere sfruttando in modo più efficace le proprie potenzialità, le proprie vocazioni, le proprie eccellenze. Un territorio che oggi allarga i suoi orizzonti e che va al di la della sola Regione Lazio, sino a ricomprendere le Regioni Toscana, Umbria e Marche, regioni tra loro diverse, ma insieme il CUORE dell’Italia che produce, che vuole ripartire, che vuole tornare a pulsare prepotentemente come motore per nostro Paese anche attraverso una Europa forte, solidale, capace di assicurare una cittadinanza europea da toccare con mano.

L’EUROPA SARÀ QUEL CHE NOI VORREMO CHE SIA,
E CIOÈ UN MODO INSIEME DI CREDERVI E DI VOLERLA,
UNA NOSTRA VOCAZIONE ED UNA NOSTRA CONQUISTA

Se avremo idee chiare, se avremo voglia di agire e di decidere costruiremo l’Europa che Vogliamo.
Chi combatte può perdere, ma chi rinuncia a combattere ha già perso!

Rispondi alla discussione

Facebook