lunedì 30 Novembre 2020,

Politica

Ξ Commenta la notizia

Covid: Tripodi (Lega), Regione Lazio bocciata da operatori sanitari

scritto da Redazione
Covid: Tripodi (Lega), Regione Lazio bocciata da operatori sanitari


“Ho presentato un’interrogazione al governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, per un’urgente richiesta di chiarimenti in merito alle procedure messe in campo. Sono infatti allarmanti le dichiarazioni del segretario regionale dell’Anaao Assomed, Guido Coen Tirelli, che definisce la gestione epidemica nel Lazio come un ‘disastro organizzativo ed assistenziale’, così come preoccupano le critiche espresse dagli autorevoli rappresentanti sindacali delle diverse categorie (Medici, Infermieri, farmacie e Medici di Base), che richiamano alle perplessità riguardo la gestione regionale e delle singole aziende sanitarie sull’emergenza in atto”. Lo annuncia Angelo Tripodi, capogruppo della Lega in Regione Lazio, che aggiunge: “Da mesi con la Lega abbiamo lanciato l’allarme riguardo al Sistema Sanitario Regionale, che non è in grado di garantire il diritto alla salute e quello di cura tanto nei confronti dei malati Covid, quanto a quelli affetti da patologie importanti come cardiopatie, diabete, o che necessitano di interventi chirurgici. I vertici regionali hanno sempre sottovalutato le questioni da noi poste” . “Per questo – continua Tripodi – ho chiesto di riferire sia riguardo alle dichiarazioni assai allarmanti di diversi esponenti istituzionali in ambito sanitario. Infine, vanno date urgentemente risposte concrete per salvaguardare il personale medico sanitario che verte in condizioni di grave stress determinato dal sovraccarico di turnazioni conseguente alla mancata implementazione di risorse umane, e bisogna supportare concretamente farmacie e  medici di base che si stanno sostituendo alle attività che dovrebbero essere garantite dal Sistema Sanitario Regionale”. “Se fino ad oggi non siamo giunti al collasso del nostro sistema, lo dobbiamo soprattutto a loro, non certo alla gestione gravemente carente da parte della Regione Lazio”, conclude.

Rispondi alla discussione

Facebook