mercoledì 14 Aprile 2021,

News

Ξ Commenta la notizia

Cori. “Nuglio al CORECOM per il problema RAI”

scritto da Redazione
Cori. “Nuglio al CORECOM per il problema RAI”

Approda al CO.RE.COM. Lazio la questione dei disservizi RAI sul territorio comunale. L’Ass.re all’Innovazione Tecnologica, Fausto Nuglio, che da tempo segue l’annosa vicenda, ha chiesto ed ottenuto udienza con l’Ing. Michele Petrucci, Presidente del Comitato Regionale per le Comunicazioni, per confrontarsi su un’ingiustificata discriminazione tra contribuenti che lede il diritto costituzionale di uguaglianza di accesso all’informazione. L’incontro è avvenuto a Roma, in via Lucrezio Caro, nella sede dell’organo di governo, garanzia e controllo sul sistema delle comunicazioni in ambito regionale.
Soddisfatto Fausto Nuglio, che riferisce – “è stato un colloquio molto cordiale, durante il quale l’Ing. Petrucci ha mostrato comprensione ed interesse per un problema che da anni arreca disagio a parecchi utenti coresi, che pur pagando il canone per intero devono accontentarsi di un servizio monco o inesistente, non riuscendo a vedere tutti o buona parte dei 14 canali dell’offerta RAI. Ho chiesto ed ottenuto che il CO.RE.COM. si faccia parte attiva presso la RAI ai fini di un intervento risolutivo – prosegue Nuglio – “e il Presidente si è impegnato ad interpellare la Radiotelevisione Italiana prima di rivederci a maggio e fare il punto della situazione.”
Già in precedenza Fausto Nuglio, dopo ripetuti solleciti a RaiWay, proprietaria della rete di trasmissione e diffusione del segnale RAI, aveva mobilitato i tecnici RAI per un sopralluogo al ripetitore di Fontana del Prato. Nonostante avessero constatato la necessità di un adeguamento tecnologico dell’impianto, il disservizio perdura e il malumore dei cittadini è cresciuto tanto da pensare ad una raccolta firme per protestare contro la tv di Stato che pubblicizza un prodotto che non è in grado di garantire, minacciando lo sciopero del prossimo canone in mancanza di una soluzione, che peraltro costerebbe poco alla RAI.

Rispondi alla discussione

Facebook