venerdì 04 Dicembre 2020,

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Contributo a fondo perduto per il settore della Ristorazione “BONUS LAZIO KM ZERO (0)”

scritto da Redazione
Contributo a fondo perduto per il settore della Ristorazione “BONUS LAZIO KM ZERO (0)”

Parte oggi il nuovo bando relativo al contributo a fondo perduto per sostenere gli operatori della ristorazione e i produttori delle Denominazioni d’Origine (DO), Indicazioni Geografiche (IG) e Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT) del territorio laziale.

L’incentivo, sottoforma di  voucher,  è erogato alle imprese che avranno effettuato l’acquisto di prodotti DO, IG e PAT del Lazio, da produttori e/o commercianti operanti nel territorio regionale. L’acquisto deve essere dimostrato mediante la presentazione di fatture datate e quietanzate dopo la pubblicazione del bando, e i prodotti DO, IG e PAT del Lazio devono essere correttamente indicati in fattura con la loro denominazione.

L’importo del contributo, pari al 30% della spesa effettuata, IVA esclusa, varia da un minimo di 500 euro a fronte di una spesa ammissibile di almeno 1.667 euro a un massimo di 5.000 euro per una spesa ammissibile pari ad almeno 16.667 euro.

Possono partecipare al bando gli operatori della ristorazione che esercitano l’attività primaria o secondaria nel territorio regionale afferente ai seguenti codici ISTAT ATECO 2007:

  • 56.10.11 – Ristorazione con somministrazione
  • 56.10.12 – Attività di ristorazione connesse alle aziende agricole
  • 56.10.50 – Ristorazione su treni e navi
  • 56.21.00 – Catering per eventi, banqueting

I beneficiari dovranno possedere, alla data di presentazione della domanda, i requisiti generali e speciali previsti dal bando.

Per la presentazione, la registrazione e la protocollazione della domanda la CLAAI Assimprese assiste i propri associati del settore con un servizio completamente gratuito. Per i non associati che vogliono presentare la domanda, si possono richiedere informazioni ed assistenza inviando una email a: progetti@claai-assimprese.it

Rispondi alla discussione

Facebook