sabato 04 Febbraio 2023,

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Comune di Terracina, consiglio comunale “abortito dai fratelli coltelli”, risposta alla nota della sindaca

scritto da Redazione
Comune di Terracina, consiglio comunale “abortito dai fratelli coltelli”, risposta alla nota della sindaca

La nota del Sindaco…mah!!

leggendo questa nota sembra che più che per quanto accaduto ieri in quell’aula comunale, che ha nuovamente dimostrato a tutta la cittadinanza l’irresponsabilità, la mancanza di rispetto e l’arroganza di certa politica che da anni “governa” (magari..) questa disgraziata città…il Sindaco di questa città, in cui all’alba del 1° luglio non siamo riusciti ancora a mettere 2 bagnini (dico 2 bagnini e quando ce li metteremo che Dio ce la mandi buona anche quest’anno…visti gli affidamenti diretti..) non dico sulle spiagge libere (abbiamo capito che di quelle non ve ne frega assolutamente nulla…) ma neanche sui 4 tratti dati in concessione al Comune di Terracina.., ebbene il sindaco, più che della figuraccia fatta ieri in mondovisione via streaming dal suo Consiglio Comunale…invece sembra più che altro rammaricata per il fatto che ieri: “È stato ignorato l’interesse primario dei cittadini, nel caso specifico degli operatori balneari che attendevano con urgenza l’adeguamento della strumentazione urbanistica comunale per poter fruire della destagionalizzazione.”….Premesso che la questione della destagionalizzazione va affrontata ( e andava affrontata…visto che se ne parla da anni..) con regole certe e con impegni seri anche da parte degli operatori balneari. E’ del tutto evidente che per questa politica gli interessi dei loro “clientes” vengono sempre prima di quelli dei cittadini che dovrebbero rappresentare….poi però non ci lamentiamo se le aule dei consigli comunali diventano bivacchi in mano a manipoli di facinorosi eletti evidentemente con i voti di certi “clientes” e messi là a difesa dei loro interessi….ed i consigli comunali si devono celebrare alla presenza dei Carabinieri..

I commenti non sono chiusi.

Facebook