domenica 18 Aprile 2021,

Dai Comuni

Ξ Commenta la notizia

Cisterna. “Il film sulle morti nella ex Goodyear”

scritto da Redazione
Cisterna. “Il film sulle morti nella ex Goodyear”

Sarà proiettato domani, mercoledì 23 aprile alle ore 17:30 presso l’Aula consiliare, in anteprima pubblica assoluta il film documentario “Happy Goodyear”.
Quella di Cisterna sarà la proiezione che precede la messa in distruzione del film nelle sale cinematografiche d’Italia che inizierà il prossimo 26 Aprile ad Ascoli Piceno, poi il 3 Maggio a Latina e così via.
A vedere l’emozionante pellicola finora soltanto l’esperta giuria del Riff- Rome Indipendent Film Festival che l’ha giudicata e premiata come miglior film documentario italiano del 2014.
Firmata dalle giornaliste Elena Ganelli e Laura Pesino, prodotto da Adriano Chiarelli e Luca Piermarteri per Soulcrime, l’opera racconta la storia dei lavoratori dell’ex stabilimento Goodyear di Cisterna.
La multinazionale giunta negli anni Sessanta portando con sé occupazione e benessere, in realtà si rivelò una “matrigna” rivelandosi tale negli anni ’90 con i primi decessi per tumore.
I primi di una lunga serie, oltre 200 e, purtroppo, in continua crescita, anche se l’azienda ha abbandonato lo stabilimento per investire nei paesi dell’Est dove l’attenzione è ancora bassa sui temi della sicurezza sul luogo di lavoro.
Le registe, con partecipazione oggettiva ma emotiva, fanno emergere la realtà dei lavoratori, della loro disillusione, del dramma personale e delle loro famiglie, le battaglie sindacali e quelle legali, ancora in piedi e con un percorso assai tormentato.
Un film certamente d’inchiesta che deve far riflettere ma anche di grandi emozioni che lasciano il segno nell’anima .
Al termine della proiezione seguirà un breve dibattito al quale parteciperanno Elena Ganelli e Laura Pesino (autrici del film), Augusto Campagna (rappresentante degli ex lavoratori Goodyear), i legali di parte civile che stanno portando avanti i vari filoni della causa intentata dai familiari delle vittime contro la multinazionale americana.

Rispondi alla discussione

Facebook