venerdì 12 Agosto 2022,

Politica

Ξ Commenta la notizia

Cisterna di Latina. Analisi di mercato e gestione rifiuti al privato

scritto da Redazione
Cisterna di Latina. Analisi di mercato e gestione rifiuti al privato

Avviare un’analisi di mercato per approfondire i costi e la percentuale di raccolta differenziata
raggiungibile attraverso forme di affidamento della gestione rifiuti a Privato; avviare le azioni
opportune per promuovere l’adozione del metodo di misurazione c.d. TARIP (tariffa puntuale)
legato alla reale produzione dei rifiuti, sul principio “chi meno produce meno paga”; avviare ogni
altra iniziativa utile finalizzata ad ottimizzare i risparmi nella gestione dei rifiuti e generare, per gli
utilizzatori finali, un meccanismo perequativo con benefici percepiti per coloro che si trovino in
contesti con soddisfacenti livelli di raccolta differenziata e adottino pratiche efficaci per il riutilizzo
e il riciclo.
Sono queste le proposte avanzate dal Gruppo Operativo di Cisterna di Latina in AZIONE tramite
una lettera inviata al Sindaco di Cisterna di Latina Valentino Mantini.
Nello studio dell’argomento, condotto da Alfonso Mauro, si tocca, tra gli altri, il tema del possibile
affidamento del servizio di gestione rifiuti a una società privata, scelta che potrebbe beneficiare
della naturale “competizione” garantita dal regime concorrenziale di mercato in grado di garantire il
miglior rapporto percentuale di raccolta differenziata raggiunta/costi di gestione, rispetto alla attuale
gestione pubblica.
Nella relazione emerge l’eredità delle precedenti Amministrazioni: il mancato obiettivo della
percentuale minima del 65% di raccolta differenziata dei rifiuti urbani, prevista dal comma 1
dell’art. 205 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (Testo Unico Ambientale), non consentirà
di poter usufruire della riduzione del tributo prevista dal comma 3-bis dell’articolo 205 del Testo
Unico Ambientale. Detto comma prevede, al fine di favorire la raccolta differenziata di rifiuti
urbani e assimilati, che la misura del tributo di cui al comma 24 dell’articolo 3 della Legge 28
dicembre 1995, n. 549 (“Ecotassa”) sia modulato, ovvero ridotto, in base alla quota percentuale di
superamento del livello di raccolta differenziata (fatto salvo l’ammontare minimo fissato dalla
Legge). La Regione Lazio, come indicato nel Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti (PRGR),
approvato con la Deliberazione del Consiglio Regionale 5 agosto 2020, n. 4, in un’ottica di costante
monitoraggio sul conseguimento dei previsti livelli minimi di raccolta differenziata dei rifiuti urbani
da parte dei Comuni, verificherà l’avvenuta applicazione dell’addizionale del 20% al tributo di
conferimento dei rifiuti in discarica prevista dal comma 3 dell’articolo 205 del TUA a partire dai
dati della raccolta relativi all’anno 2021.
Conclude Alfonso Mauro: ”il ruolo di Cisterna di Latina in AZIONE vuole essere propositivo e
propulsivo anche sulla tematica della raccolta e gestione dei rifiuti, particolarmente sentita e portata
dai cittadini all’attenzione del nostro Partito”.
“Ribadiamo la nostra fiducia nell’operato dell’attuale Amministrazione”, conclude il commissario
di ‘Cisterna di Latina in AZIONE’, Andrea M. Fino, “verso la quale siamo pronti a fornire un
contributo utile in termini di proposte e contenuti”

I commenti non sono chiusi.

Facebook