mercoledì 08 Dicembre 2021,

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Associazione “Antonino Caponnetto”: “Storia strana quella degli arenili pubblici di Terracina”

scritto da Redazione
Associazione “Antonino Caponnetto”: “Storia strana quella degli arenili pubblici di Terracina”

Apprendiamo dalla stampa quanto denunciato dall’organizzazione sindacale UILTUCS Latina in riferimento
al trattamento economico, e non solo, dei bagnini.

Per la nostra Associazione una strana storia le cui criticità iniziali avevamo già, a suo tempo, provveduto a
segnalare a chi di competenza.

Il Comune di Terracina, con propria delibera di giunta, nel maggio u.s. aveva ritirato il bando per l’appalto
degli arenili, sulla base di anticipazioni regionali relative all’imminente approvazione del P.U.A – Piano di
Utilizzazione degli Arenili – al fine, tra l’altro, di evitare che gli investitori privati potessero subire eventuali
danni economici dalla modifica dell’assetto normativo, decidendo di gestirlo in proprio tramite la
partecipata Azienda Speciale Terracina.

In data 08.06.2021 venne redatto il Business Plan dell’Azienda Speciale da noi ritenuto “velleitario” in
quanto non minimamente aderente alla realtà in cui si andava a calare, a partire dall’alto costo degli
ombrelloni, alla durata della stagionalità degli stessi (sino al 30 settembre), al dichiarato, e mai avvenuto,
utilizzo di percettori del reddito di cittadinanza e degli studenti dell’Istituto Alberghiero A. Filosi, fino alla
previsione, rimasta tale, a fine stagione di un introito di 207.000,00 per le casse comunali.

A valle della approvazione, rivelatasi come previsto, fallimentare, di detto Piano Aziendale, sono state
approvate determine di affidamento lavori e servizi per centinaia di migliaia di euro, per importo
complessivo ben superiore a quanto previsto.

Tra queste, due determine direttoriali con ordine cronologico consecutivo (n. 225 e 226 entrambe del
29.06.2021) con cui si affidavano alla stessa società, in una sorta di spacchettamento, due appalti per lavori
similari di importi rispettivamente di euro 32.450,00 e 168.970,00.

Ulteriore aspetto controverso è rappresentato dal fatto che il socio di maggioranza della società affidataria
dei sopra citati lavori, in data 16 luglio u.s. registra, presso la Camera di Commercio, una ditta individuale a
proprio nome, dichiarando quale inizio attività la data del 7 luglio sebbene, a detta del sindacato, l’attività
in questione risulti partita dal 1 luglio.

In tale ambiguo contesto è particolarmente inquietante apprendere dalla pubblica denuncia della
Organizzazione sindacale UILTUCS Latina, dell’esistenza di questa sorta di “pizzini” inviati dalla Società ai
dipendenti in cui si chiede ai lavoratori di dichiarare il falso rendendoli complici in una vera e propria truffa
all’INPS, si fa riferimento, sfrontatamente, di aver concordato un salario inferiore alle norme di legge e si
avanza la richiesta di restituzione di parte della retribuzione riportata in busta paga cercando di acquisire il
consenso di questi poveri giovani elargendo una “regalia” di 50,00 euro.

Se ciò corrispondesse al vero si sarebbe di fronte ad un raggiro che, viene da pensare, nasca dal bisogno
di mascherare una carenza in organico di bagnini, con la ulteriore conseguenza di aver lasciato le spiagge
prive di sicurezza in caso di emergenza.

Alla luce della cronologia dei fatti ci si domanda appare lecito chiedersi in che modo si è garantita la
sicurezza dei bagnanti nel mese di giugno, visto che questa Azienda non operava, o almeno così dovrebbe
essere stato. Con quali persone e dipendenti da chi?

Il comunicato sindacale mette in luce anche un altro grave aspetto, peraltro non smentito, della vicenda,
e cioè, che i bagnini in questione, non sono mai stati coordinati, guidati e diretti dalla Società da cui
dipendevano, ma da personale dipendente dell’Azienda Speciale.

Se ciò fosse verificato, ci troveremmo nell’inquietante fattispecie di interposizione di manodopera, con
gravi responsabilità, a nostro avviso, oltre che dei vertici societari della ditta appaltante, della parte
committente.

A questo punto alcune domande sono d’obbligo:

a) Con quali modalità l’Azienda Speciale, nel suo ruolo di committente, ha vigilato sulle attività
delle società a cui sono stati affidati i lavori?
b) Come ed in che modo è stata garantita, semmai lo sia stata, la sicurezza dei bagnanti?
c) Come intende porsi l’Azienda Speciale rispetto al sotto salario erogato ai bagnini e,
eventualmente, anche ad altre figure professionali?

Oggi, di fronte alla denuncia dei fatti formulata dalla UILTUCS, sia in sede amministrativa che giudiziaria,
l’Amministrazione Comunale non può certo esimersi dall’assumersi la responsabilità di fatti di cui potrebbe
essersi resa connivente con la modifica delle proprie delibere per accogliere le incongruenze
previste nel piano Aziendale e che il silenzio assordante con cui sta affrontando la vicenda aggrava.

E d’altronde è indiscutibile che se legalità e diritti vengono lesi su un territorio, e questo non è certo il
primo caso che si verifica a Terracina, la responsabilità politica non può che ricadere su chi tale territorio
governa.

La Segreteria Nazionale

I commenti non sono chiusi.

Facebook