martedì 14 agosto 2018,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Provincia di Latina

Ξ Commenta la notizia

All’ospedale Dono Svizzero di Formia erogata la sanità d’eccellenza. Grazie a medici e paramedici

scritto da Redazione
All’ospedale Dono Svizzero di Formia erogata la sanità d’eccellenza. Grazie a medici e paramedici

La sanità di eccellenza esiste e nella nostra provincia è quel patrimonio fatto di professionisti, medici, infermieri e tecnici che, nonostante i tanti limiti imposti dalle carenze strutturali e di pianta organica irrisolte grazie all’inerzia di Zingaretti, come veri eroi ogni giorno con impegno e dedizione salvano tantissime vite erogando un’assistenza di altissimo livello. L’ultimo caso, ma solo in ordine di tempo, riguarda l’efficienza, la tempestività e l’efficacia dell’assistenza erogata ad una donna di quasi ottanta anni presso l’ospedale Dono Svizzero di Formia. Arrivata in codice rosso al Pronto Soccorso alla donna sono state effettuate subito tutte le indagini del caso. La diagnosi era impietosa: un ictus ischemico. Le ripercussioni potevano essere tragiche. Ma grazie ad un intervento rapido, con l’effettuazione di una trombolisi endovena, la prima tra l’altro praticata al Dono Svizzero di Formia, ora non solo si è risvegliata dal coma ma ha anche ripreso la motilità ed è ricoverata in condizioni stabili. Questo avvalora quanto abbiamo sempre sostenuto. I nostri ospedali sono eccellenza grazie ai professionisti che ci lavorano. Sono efficienti grazie alla capacità di superare i tanti limiti esistenti grazie ad un lavoro di equipe che, come in questo caso, si mette in moto con tempestività. A loro, a tutti gli uomini e le donne che lavorano nei nostri ospedali continuiamo a dire grazie. Ma soprattutto continuiamo, come fatto sinora, ad impegnarci affinchè a questi eroi siano date condizioni e strutture adeguate a svolgere il proprio lavoro. Una sanità efficiente esiste. Una sanità migliore può realizzarsi. Noi ci crediamo.

 

Pino Simeone

Forza Italia

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+