mercoledì 25 Maggio 2022,

Dai Comuni

Ξ Commenta la notizia

Al Mof un centro di raccolta alimentare per la popolazione ucraina

scritto da Redazione
Al Mof un centro di raccolta alimentare per la popolazione ucraina

Torna, come durante i giorni del lockdown ma per finalità diverse, il centro di raccolta alimentare. Il punto di conferimento e smistamento, finanziato dal Comune di Fondi, approvvigionato di ortofrutta dal Mof e gestito dai Falchi di Pronto Intervento, è dedicato alla popolazione ucraina accolta a Fondi. La distribuzione dei viveri è coordinata dai Servizi Sociali dell’Ente allo scopo di monitorare il flusso di richiedenti, ascoltarne le esigenze e far arrivare gli aiuti in maniera mirata ed efficace.

L’attivazione del centro, operativo dalla fine di aprile, è stata concordata con il sindaco Beniamino Maschietto e l’assessore ai Servizi Sociali Sonia Notarberardino al termine di una riunione alla quale hanno preso parte la delegata al volontariato Morena Argentino e le associazioni attive sul territorio, gli assistenti sociali Antonio Marcucci (coordinatore), Martina Parisella e Ilaria Ottaviano e i rappresentanti della popolazione ucraina.

Le richieste dovranno continuare a pervenire ai Servizi Sociali che autorizzeranno le varie famiglie a ritirare, periodicamente, pacchi alimentari di misura proporzionale al numero di componenti della famiglia.

«Un grandissimo ringraziamento al Mof – commentano il sindaco Beniamino Maschietto e l’assessore Notarberardino – non solo agli operatori che, ancora una volta, hanno dato prova di avere un grande cuore approvvigionando il centro di prodotti freschi e di primissima qualità ma anche al presidente Bernardino Quattrociocchi, all’amministratore delegato Enzo Addessi e al direttore Roberto Sepe per la grande disponibilità e la collaborazione. Un altro ringraziamento – concludono – vogliamo rivolgerlo ai Falchi coordinati dal presidente Mario Marino che, infaticabili, passano da un’emergenza all’altra e sono sempre a disposizione della collettività e, in generale, a tutti coloro che, come in una grande famiglia, stanno collaborando affinché tutti abbiano un pasto, abiti comodi, istruzione e assistenza».

 

I commenti non sono chiusi.

Facebook