giovedì 28 Ottobre 2021,

Provincia di Latina

Ξ Commenta la notizia

Acqualatina, alla crisi aziendale il sindacato risponde con la richiesta dei contratti di solidarietà

scritto da Redazione
Acqualatina, alla crisi aziendale il sindacato risponde con la richiesta dei contratti di solidarietà

Si è svolto quest’oggi l’incontro tra le Segreterie provinciali di Femca Cisl, Filctem Cgil, Uiltec Uil,  la RSU e la Direzione Risorse Umane di AcquaLatina spa, convocato dopo che l’azienda aveva annunciato un esubero di  73 dipendenti appartenenti a varie qualifiche e profili professionali.
Le OO.SS. hanno respinto al mittente tale richiesta  invitando la società ad aprire ad ammortizzatori sociali quali i contratti di solidarietà in modo che gli effetti negativi della  crisi vengano equamente divisa tra tutti i lavoratori. Nel corso dell’incontro si è già entrati nel merito del discorso andando a quantificare in una riduzione del 25% sul totale delle ore lavorate dal personale. Le indennità previste per gli  ammortizzatori sociali copriranno l’80% della cifra mensile e questo permetterà ai lavoratori impattati di  subire perdite economiche limitate al 5-8% dello stipendio.. Il confronto fra le parti proseguirà il 20 maggio e nel frattempo le Organizzazioni Sindacali incontreranno i lavoratori in apposite assemblee per informarli sullo stato delle trattative.
Le motivazioni che hanno portato Acqualatina a questa drastica decisione sono riconducibili, secondo l’azienda, ad una profonda crisi di carattere economico e finanziario dovuta sia ad un calo di ricavi che al perdurare di problematiche legate agli incassi delle fatture emesse. La società parla di crediti commerciali scaduti al dicembre dello scorso anno di 65 milioni di euro, pari al 10% dell’intero fatturato globale emesso da AcquaLatina dall’inizio del 2002. Cifre importanti alle quali devono essere sommati aggravi di costi legati al recupero delle somme dovute dai debitori. A questo stato di cose deve aggiungersi, secondo l’azienda, anche un consistente calo dei volumi di acqua erogata a causa del contrarsi dei consumi delle famiglie colpite dalla crisi economica ed il nuovo Metodo Tariffario disciplinato dall’ Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas che ha determinato un forte calo dei ricavi già nel corso del 2012  che sia accentuerà ancor di più nel 2013.
“Questa vicenda merita tutta la nostra attenzione” commenta Roberto Cecere Segretario Provinciale della Femca Cisl di Latina” Parliamo infatti di una società rilevante per la  nostra Provincia che occupa circa 400 persone ed offre un servizio estremamente importante e delicato a tutto il territorio. Siamo pronti, insieme ai lavoratori, a sostenere i sacrifici necessari al rilancio di Acqualatina a fronte di un percorso aziendale serio e concreto che la faccia uscire dalle secche di una crisi finanziaria decisamente pericolosa.”

Ufficio stampa Femca Cisl Latina

Rispondi alla discussione

Facebook